Fabio Gianoli

INTERIOR DESIGNER

Fabio Gianoli


ilgiano[at]hotmail.it

0039-348 7627047

Skype. fabiogianoli81

Comunità Montana, Sondrio

Progettare significa individuare la miglior soluzione che soddisfi a pieno le esigenze del cliente, con un buon valore estetico e una adeguata funzionalità degli spazi. In questo progetto abbiamo pensato fosse importante aggiungere un dettaglio visto il fine del vostro ente e per far questo scomodare un concetto artistico – letterario, Il Simbolismo. Entrambi approfondimenti della natura. Ci siamo quindi concentrati su due forme, due concetti, dedicati a farcire la composizione di una stanza polifunzionale. Due simboli uniti dalla stessa immagine e dalla stessa struttura in scala differente. La sala è stata progettata sul disegno classico perfetto dell’anfiteatro, adatto per conferenze, dove il punto focale, il tavolo riunioni principale, è direttamente di fronte all’ingresso appoggiato sull’unica parete senza aperture lasciando simmetricamente opposte le vetrate esistenti. Ma questo anfiteatro è posizionato al centro di un Nido dove devono nascere e crescere nuove idee e proposte per il sostegno e lo sviluppo delle nostre comunità locali, principale e fondamentale impegno di questo ente. Il “nido”, questa struttura intrecciata che caratterizza la sala, vuole ricordare uno degli oggetti simbolo del nostro territorio e del lavoro, che è La Gerla dei nostri contadini. Questa cornice in legno intrecciato di forma circolare avvolge e definisce la sala facendo da schermatura alla luce naturale proveniente dalle vetrate, migliorandone l’espressione acustica e creando quattro angoli dove accomodare parte degli arredi quando non necessari. Questo garantisce una semplice flessibilità, trasformazione e utilizzo di questo spazio. La parte terminale superiore ospita una linea luminosa che fornisce la sala di una ottima luce indiretta. Inoltre, essendo il soffitto esistente non troppo alto, abbiamo previsto due teli per le proiezioni posti a lato del tavolo centrale per permettere a tutti gli ospiti una perfetta visione da ogni punto della sala. Tra l’altro, la struttura ad anfiteatro, come dimostra la storia, permette un perfetto cono visivo e d’ascolto. I complementi di arredo prevedono una nuova unica porta di ingresso formata da una cornice perimetrale in vetro trasparente e un’anta in legno anticato con il logo della Comunitá Montana applicato centralmente. Anche il tavolo centrale è in legno, appoggiato su un basamento a specchio per lasciare il piano come sospeso nella sala; il legno contiene uno schermo touchscreen a “filo top” collegato al proiettore audio e video fissato a soffitto. A seconda delle necessità, come mostrato dalle tre soluzioni viste nelle piante allegate, il tavolo centrale e quindi l’intera sala potrà trasformarsi rispondendo ad una chiara esigenza di flessibilità della sala. Tavola 1: La sala consta di quarantanove poltroncine per riunioni o conferenze, prediligendo il comfort e la grande dimensione della seduta alla quantità; Tavola 2: La sala si trasforma in un aula per svolgere corsi di formazione grazie al posizionamento di dodici desk pieghevoli; Tavola 3: La sala, dividendo il tavolo in due blocchi, con un modulo dedicato alla presidenza ed uno ai suoi collaboratori con due tipologie di poltroncine a rotelle, diventa una vera e propria Sala Consigliare. Rispettando le esigenze tecnologiche è stato previsto un corretto pacchetto di accessori, come specificato nel capitolato tecnico. Abbiamo cercato di migliorare le attuali prestazioni creando altresì una base di partenza da implementare secondo eventuali future esigenze.

General contractor   www.bmitalia.com

Photo by Claudio Pedrini

  • Date : 27 ottobre 2016